Net Me

Sviluppo WEB

∼ La nostra missione è rendere accessibile internet a coloro che vogliono utilizzarlo in modo commerciale, col fine di produrre benefici alla propria azienda o attività professionale. ∼ Studiamo e utilizziamo da anni tutti gli strumenti che internet propone per il business e ci piace condividere con i nostri iscritti e clienti le migliori strategie per ottenere ottimi risultati dagli investimenti nel Web Marketing. ∼ Il nostro lavoro inizia con un esame della vostra azienda, dei vostri prodotti e della posizione geografica in cui vi trovate, o nella quale volete promuovere i vostri prodotti o servizi, in seguito,  grazie ai  Siti WEB come Google e Facebook, proposti a migliaia di persone.

• REALIZZAZIONE SITI WEB • SOCIAL NETWORK MARKETING • ACCOUNTING GOOGLE E ALTRI SITI WEB • SVILUPPO APP MOBILE • EMAIL MARKETING • SUPPORTO GRAFICO • SEO WEB MARKETING, BLOG ETC • GESTIONALI • ASSISTENZA SU AGEVOLAZIONI

TELEFONO +39 3701044389 INDIRIZZO Via Canaletto, 12 09025 – Sanluri Medio Campidano ORARI AL PUBBLICO Lun. Ven. dalle 10:00 alle 19 Sabato dalle 10:00 alle 13:00 EMAIL posta@net-me.it mail.netme@gmail.com

GDPR, regolamento generale sulla protezione dei dati, tutto quello da sapere per metterti in regola

scritto da net-meil maggio 3rd, 2018alle ore 11:08 am.

In caso di violazione del GDPR, le aziende rischiano sanzioni fino a 20 milioni di euro oppure il 4% dell’intero fatturato annuale di un’azienda A partire dal 25 maggio 2018 entrerà in vigore anche in Italia la nuova normativa in materia di protezione dei dati (GDPR – Regolamento UE n. 679/2016) per adeguare le norme sulla protezione dei dati personali al nuovo contesto economico e sociale. Lo scopo è rinforzare le misure tecniche e organizzative per dare un’ adeguata sicurezza dei dati riducendo il rischio di dispersione o furti, evitando quindi di violare la privacy dei cittadini. Cos’è il GDPR (General data Protection Regulation) e cosa cambia per le aziende. Il Regolamento generale sulla protezione dei dati è stato adottato dal Parlamento Europeo nell’aprile 2016 “per rafforzare e rendere più omogenea la protezione dei dati personali”. Le disposizioni fortificano la protezione dei dati e devono essere rispettate sia dalle aziende con sede nell’Unione Europea, sia da quelle che hanno sede al di fuori di essa ma che trattano dati di cittadini di uno Stato membro. Tutte le aziende che elaborano dati personali devono dotarsi necessariamente della figura del Data Protection Officer e di un registro delle operazioni di trattamento affinché possa essere supervisionato dal Garante. Il titolare del trattamento dei dati deve dotarsi anche di un Registro degli incidenti dove verranno annotati tutti i casi di violazione o danneggiamento dei dati con l’obiettivo di evitare incidenti futuri e migliorare le misure di sicurezza. Il nuovo regolamento introduce un principio già riconosciuto dal Garante per la Privacy: il principio di accountability, che stabilisce che sarà compito delle aziende o degli enti pubblici che detengono i dati dei cittadini di tenere un atteggiamento che vada verso la loro salvaguardia. Il GDPR si occupa anche di data breach: si tratta di perdita, modifica, violazione o accesso non autorizzato ai dati; in questo caso il titolare del trattamento è tenuto a informare della violazione l’autorità di controllo entro 72 ore dal momento in cui ne è venuto a conoscenza. Se si verifica un forte rischio per i diritti e le libertà delle persone interessate, queste devono essere avvisate senza ritardi. Il GDPR, inoltre, introduce il diritto all’oblio: l’interessato può chiedere la cancellazione dei suoi dati personali e i titolari del trattamento, anche dopo averli resi pubblici, hanno l’obbligo di informare della richiesta di cancellazione anche altri titolari che hanno a disposizione li stessi dati oggetto di cancellazione. Perchè è importante adeguare le proprie attività al GDPR? Se il tuo sito serve persone fisiche dall’UE e tu, o i servizi integrati di terze parti, quali Google e Facebook, elaborano qualunque tipo di dato personale, è necessario seguire tutte le nuove le regole che hanno a che fare con il consenso dei visitatori (come ad esempio i form di richiesta dei dati e il tracciamento della visita con gli strumenti di web analytics), il banner della normativa che comprare sul sito e l’informativa della privacy. Se si riscontrano casi di attacchi informatici o furti, si deve verificare che l’azienda abbia messo in atto le tutele e le procedure del caso. In caso di violazione del GDPR, le aziende rischiano sanzioni fino a 20 milioni di euro oppure il 4% dell’intero fatturato annuale. A questo si aggiunge il rischio del danno di immagine dell’azienda. Per progettare e/o adeguare un sito web esistente al regolamento GDPR? Indicazioni pratiche: Siete spaventati dai rischi che l’entrata in vigore del GDPR potrebbe portarvi? Avete sentite ancge voi delle multi milionarie in arrivo per coloro che non si adeguano? Beh, se state leggendo queste righe per lo meno vi state interrogando su quali sono le pratiche da attuare per far si che non siate costretti a pagare multe milionarie e quindi a chiudere bottega. Ma andiamo con ordine ed esaminiamo i due possibili casi: sviluppare un nuovo sito da zero; aggiornare e adeguare un sito web esistente. Se siete in procinto di sviluppare un nuovo sito web sarà sufficiente seguire e rispettare fin da subito tutti i dettami previsti dal GDPR tenendo bene a mente i principi di "Privacy by design" e "Privacy by default. Questo è comunque il caso più semplice però e per non rischiare nulla sarà sufficiente rivolgersi ad uno specialista che saprà guidarvi passo dopo passo. Casistica differente è invece quella che prevede l’adeguamento di un sito web già esistente. Se avete già un sito web che effettua trattamento di dati personali è infatti opportuno attivarsi il prima possibile e valutare gli interventi a carico delle seguenti voci: Moduli di contatto. Per rendere i Vs. moduli conformi al GDPR è importante, prima di tutto, aggiungere gli opportuni riferimenti - qualora non siano già presenti - alla Vostra informativa sulla privacy (che dovrà essere riscritta seguendo le direttive del GDPR). Con l’entrata in vigore del GDPR l'utente dovrà accettare esplicitamente il trattamento dei suoi dati personali, ad esempio, mettendo la spunta sull'apposito checkbox. Se la finalità del modulo è consentire il contatto, i dati potranno essere trattenuti e gestiti solo fino all'espletamento di tale finalità e non oltre. E' altresì vietato chiedere il consenso obbligatorio per trattamento di dati non necessari alla finalità indicata. Moduli di registrazione / Aree private. Se il Vs. sito web ospita moduli di registrazione, l'adeguamento al GDPR potrebbe essere tutt'altro che indolore. In questo caso è necessario verificare che il vs. sistema integri alcune funzionalità, e in particolare che sia sempre permesso all'utente: accedere ai propri dati; modificare i propri dati; modificare il proprio consenso in relazione al/i trattamento/i effettuati dal sito; cancellare la propria iscrizione (e tutti i propri dati). E' altresì necessario verificare che i dati trattati, a seguito di consensi ottenuti prima dell'entrata in vigore del GDPR, siano conformi a quanto prescritto dalla nuova normativa in relazione ai, più volte citati, principi di "Privacy by design" e "Privacy by default", in caso contrario sarà necessario pianificare interventi strutturali volti ad adeguare la propria infrastruttura tecnologica. E-commerce. In questo caso sarà indispensabile informare gli utenti di tutti i soggetti a cui verranno comunicati i dati e verificare che l'applicativo non compia una qualche attività di profilazione dell'utenza. Messa mano alla struttura del sito web le nostre azioni non sono in ogni caso concluse. Quasi tutti i siti web infatti integrano un sistema di misurazione degli accessi. Il più famoso (ed utilizzato) tra questi è certamente Google Analytics. In questo caso le regole del GDPR ci obbligano ad informare adeguatamente l'utente prima del tracciamento (in altre parole la registrazione dell'IP di accesso dovrà avvenire dopo che l'utente ha prestato consenso nei modi e nei termini già visti in precedenza). Se non vogliamo percorrere questa strada sarà comunque necessario anonimizzare gli IP, cosi da trasformare l'attività di Analytics assume valore statistico e non rientra più nella definizione di "dato personale". Banner pubblicitari. Con l'entrata in vigore del GDPR, gli editori che utilizzano AdSense dovranno apportare delle modifiche ai propri siti web, al fine di ottenere un consenso preventivo da parte dell'utente circa eventuali strumenti di profilazione e personalizzazione dei messaggi pubblicitari. Anche l'utilizzo di widget come, ad esempio, mappe, video o pulsanti sociali, avrà un certo impatto in ottica GDPR. In questo caso il gestore del sito web è tenuto ad ottenere il consenso dell'utente circa eventuali operazioni compiuti dai soggetti terzi. Con il GDPR si chiude l'epoca dello spam indiscriminato, delle mail inviate a contatti pescati a caso. Se un utente accetta il trattamento dei propri dati per ricevere SOLO news, non sarà più possibile inviargli messaggi pubblicitari. Ogni finalità richiede un esplicito consenso (per il quale, nel caso dell'email marketing, il sistema del double opt-in continua ad essere la soluzione preferibile). Ma cosa fare con le "vecchie liste", cioè con le liste di indirizzi email raccolti prima del GDPR? Sicuramente non vanno buttate ma, alla luce della riforma, appare opportuno inviare una mail informativa a tutti i contatti che rassicuri il destinatario in merito all'utilizzo dei suoi dati e alle finalità perseguite dal gestore della lista. Gestione delle aree private: cosa cambia con il GDPR? Nel caso di aree private sarà necessario stilare un diario che registri tutti gli eventi riguardanti i dati personali in modo da avere la prova di ogni attività svolta. .

descrivi qui il collegamento del menu

descrivi qui il collegamento del menu

descrivi qui il collegamento del menu

Hashtag – Cosa sono quale importanza hanno e come si usano

Etichette: || || ||
hashtag

Il web è nato libero, è tale pensiamo che debba rimanere.

Ma avere una strategia per l’uso degli Hashtag può portare reali benefici alla Vostra attività commerciale.

La nuova piattaforma di Linkedin apre agli Hashtag e dichiara guerra alla vecchia concezione di LinkedIn come ad un deposito di curricula inerti” a darne notizia, tra gli altri, Riccardo Scandellari su Skande, vero punto di riferimento per eserciti di web marketers, e, per chiunque veda nel web un opportunità di crescita e sviluppo professionale.

Chi sta utilizzando in queste ore la nuova newsfeed ha certamente notato che le parole precedute dal cancelletto sono diventate di colore blu, come fossero link. Cit. Riccardo Scandellari

Tutto bello, tutto interessante, per noi che con certi concetti siamo ”costretti” a confrontarci quotidianamente. Ma spesso noi operai digitali scordiamo che il mondo è molto più vasto della formattazione della nostra pagina di word. La fuori, sono centinaia di migliaia, gli utenti che degli hashtag non solo non “sanno bene che farsene” ma addirittura non sanno neppure cosa sono gli hashtag!

E allora direte voi? Allora prima di parlare dell’importanza dei cancelletti (si per noi nativi analogici quello era il nome con cui chiamavamo quello strano simbolo) nello sviluppo di un determinato social network sarà il caso di definire meglio il concetto stesso di hasthtag e di come sia corretto utilizzarli a seconda del canale web e social che decidiamo di utilizzare per promuovere un determinato prodotto.
Nella comunicazione digitale gli hashtag sono estremamente importanti, un modo semplice e sicuro per condividere un determinato argomento. Certo è possibile utilizzare il web e i social anche senza sapere cosa sono gli hashtag ma saperlo, fidatevi, potrebbe aiutarvi nello stendere la vostra strategia social, o per lo meno vi aiuterà a tenere più ordinato il vostro profilo aziendale.

Gli hashtag, resi popolari da Twitter, sono delle parole “calde” precedute dal simbolo #. Una bandierina che suddivide e raggruppa le persone attorno ad un determinato argomento di discussione. Nati come una caratteristica di Twitter, oggi sono molti i social network che li utilizzano: Pinterest, Instagram, Tumblr, Google+, ora Linkedin e non ultimo Facebook, infatti invogliano gli utenti ad ampliare la propria esperienza social con l’utilizzo degli Hashtag.

Dopo aver tentato di definire che cosa sono gli Hashtag proviamo ora a chiarire per quale motivo è importante usare correttamente gli Hashtag.

Ovviamente non tutto il mondo digitale deve necessariamente essere popolato da esperti, la verità, è che non c’è nulla di male nell’usare casualmente un Hashtag. Il web è nato libero, è tale pensiamo che debba rimanere. MA … si c’è sempre un MA dietro le soluzioni troppo facili, avere una solida strategia dietro al loro utilizzo può portare reali e concreti benefici alla Vostra attività commerciale. Gli Hashtag sono strumenti preziosi sia in fase di analisi , ottimi per filtrare le conversazioni ed individuare i topic rilevanti sui social media, sia in fase operativa, perfetti per promuovere prodotti, brand e coinvolgere utenti, consumatori o partecipanti ad un evento. Abbiamo detto che un Hashtag è una semplice parola seguita dal segno “cancelletto”. Ma creare un buon hashtag, che magari possa anche diventare virale, potrebbe essere più difficvile a farsi che a dirsi. Utilizzarne troppi infatti, o peggio, scegliere le keywords sbagliate e non a tema, può essere dannoso, oltre che rappresentare un inutile spreco di energie. Un semplice consiglio però, può essere quello di scegliere i vostri hashtag di modo che:

• siano parole facili da pronunciare e da ricordare;
• il vostro Hashtag deve essere per quanto possibile una parola unica e originale, ancora meglio se caratterizzante il vostro brand.

Consigli pratici su come utilizzare gli hashtag nei principali social media

Non tutti i social media sono uguali, questo dovrebbe essere già chiaro. Esistono infatti social espressamente pensati e dedicati al mondo della fotografia, altri che strizzano l’occhio ad un uso più giornalistico, altri ancora invece sembra che stiano diventando sempre di più delle piattaforme commerciali. I social sono tanti, molti più di quelli che elenchiamo a seguire, con differenze più o meno marcate a seconda dell’area geografica e del target che vogliamo raggiungere, ma con un piccolo sforzo è possibile tentare di mettere nero su bianco alcuni consigli generali per utilizzare proficuamente gli hashtag su Twitter, Facebook, Linkedin, Google+, Instagram, Pinterest.

Twitter: uno o due Hashtag per ogni post
Facebook: due o massimo tre all’interno di un esauriente testo introduttivo.
Linkedin: uno per post è sufficiente ma in tanti, sopratutto nell’ultimo periodo, stanno sviluppando strategie simili a quelle utilizzate su Facebook.
Google Plus: secondo diversi consulenti non c’è un numero minimo e massimo di hashtag da utilizzare sulla piattaforma di Big G. Alcuni consigliano di inserire un gruppo di hashtag tematici alla fine di ogni post
Instagram: fino a dodici hashtag per immagine. Come per gli altri ovviamente risulta di vitale importanza la coerenza con l’argomento trattato.
Pinterest: secondo molti colleghi, la strategia migliore sarebbe quella di inserirli all’interno della descrizione dell’immagine, senza usarne un numero eccessivo, un po’ come per le ricette “quanto basta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ItalianoEnglishDeutschEspañolFrançais中文(简体)
by Transposh - plugin di traduzione per wordpress
>
No announcement available or all announcement expired.
x Shield Logo
This Site Is Protected By
The Shield →

Premendo accetto acconsenti al utilizzo di cookie da parte nostra e da terze parti che mostrano annunci nel nostro sito Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi